Burro di cacao, Dolci, Farina di mais, Lecitina di soia, Mandorle

SBRISOLONA mantovana

 

Dolce della tradizione lombarda, mantovana per l’esattezza, resa 100% vegetale, sfido chiunque a dire che non è la classica con burro e uova 🙂
Ottima base per altri giorni che andrò a darvi successivamente.

SBRISOLONA MANTOVANA

Ingredienti:
– 6 gr di semi di lino chiari (semi di lino tritati)
(oppure se non avete un macinino sufficientemente potente per tritarli o non li trovate giĂ  tritati
– 3 gr di lecitina di soia)
– 20 gr di burro di cacao
– 30 ml acqua
– 100 ml olio di oliva (o riso o entrambi 50%/50%)
– 100 gr di zucchero di canna (e un cucchiaio per la superficie)
– 100 gr di mandorle (+20 gr per la superficie)
– 120 gr di farina di mais fioretto
– 100 gr di farina di grano tenero (io tipo 2 – semintegrale)
– un limone
– una punta di vaniglia
– una punta di sale
Procedimento:
1-Tritate finemente i semi di lino in modo da spezzarli bene e uniteli alla lecitina di soia e all’acqua all’interno del vaso del frullatore ad immersione e fate riposare almeno mezzoretta in frigorifero.
2-Fate sciogliete a bagnomaria il burro di cacao.
3-Riprendete il vaso con il liquido dal frigorifero ed emulsionate con il frullatore ad immersione l’acqua i semi di lino (ormai ridotti in farina) e la lecitina. Aggiungete sempre con il frullatore in funzione, olio e burro di cacao sciolto.
Versate la mistura in una ciotola e portatela in freezer per circa 15/20 minuti, in tempo necessario affinché si solidifichi.
4-Tritate le mandorle all’inizio in maniera grossolana e portatene 1/3 nella ciotola che accoglierĂ  tutte le farine, il resto delle mandorle finemente e portate anche questa nella ciotola con i pezzi di mandorla, la farina di mais, la farina di grano tenero, lo zucchero, la buccia di mezzo limone, una punta di vaniglia, una punta di sale e amalgamate.
5- Riprendete il burro ormai freddo e sbattetelo con la frusta, se è slegato rimettetelo altri 5 minuti in freezer.
6-Unite il burro ormai solido alle farine e lavorate in maniera grossolana con le punta delle dita in modo da non scaldarlo, e in modo da ottenere un crumble, un impasto granuloso.
Non impastate troppo o il vostro risultato finale sarĂ  di una torta fin troppo sbriciolosa e fine, invece il risultato deve essere di fiocchi grossolani.
7- Prendete una teglia di circa 24/26 cmq di diametro e ricoprite con della carta forno.
Portate il composto nella teglia, aggiungete 20 gr di mandorle fra intere e leggermente spezzate in superficie, fate ora una leggerissima pressione, soprattutto sui bordi cosi da avere un risultato uniforme almeno sui bordi che fungono da sostegno del dolce di suo friabile al risultato finale.
Spolverizzate con un cucchiaio di zucchero di canna la superficie e portate in forno ventilato preriscaldato a 180 gradi per circa 35 minuti.
I bordi devono risultare leggermente colorati e la superficie dorata.
Fate raffreddare prima di consumare.
Il risultato è quello di una torta da spezzare con le mani, croccante e profumata.
Il nome sbrisolona deriva proprio dalla sua caratteristica a “sbriciolarsi”.

inviaci un commento:

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*