Arancia, Burro di cacao, Dolci, Frutta disidratata, Lecitina di soia, limone, Mandorle, semi di lino, Uvetta disidratata, Yogurt di soia

COLOMBA PASQUALE AI FRUTTI ESOTICI

ENNESIMA SODDISFAZIONE DELLA CUCINA 100% VEGETALE!
PROFUMATA, SOFFICE, GOLOSA LA MIA COLOMBA AI FRUTTI ESOTICI

COLOMBA PASQUALE AI FRUTTI ESOTICI (peso finale ca. 1100/1200 gr)

Ingredienti
– 450 gr di farina manitoba
– 200 gr di yogurt vegetale alla mandorla o alla frutta tipo mango o pesca
– 100 ml di latte vegetale (io mandorla o avena)
– 120 gr di burro vegetale (BURRO AI SEMI DI LINO)
– 140 gr di zucchero di canna (160 se lo yogurt non è dolce)
– 50 gr di uvetta disidratata (facoltativa)
– 100 gr di frutta esotica disdratata (mango papaya ananas cocco)
– 30 gr di lievito madre disidratato o come suggerito per gr di farina
– 100/120 gr di mandorle
– 10 gr di amido di mais
– scorza di 3 arance (o 2 se molto grandi)
– scorza di 2 limoni (o uno e mezzo se molto grandi)
– 2 cucchiai di zucchero a velo
– granella di zucchero
– una punta di vaniglia
– 4 gr di sale (un cucchiaino raso)

Procedimento

1- Preparare il burro come da indicazioni (vedi burro ai semi di lino o la variante di violamirtillo con la lecitina)
Se usate il burro ai semi di lino suggerisco di usare uno yogurt alla soia invece che altro tipo di yogurt vegetale.

2- In un bicchiere mischiate il lievito con 5 gr di manitoba, intiepidite il latte e aggiungetelo cercando di sciogliere eventuali grumi. Aggiungete anche un cucchiaino o di sciroppo di acero o malto d’orzo e lasciate riposare circa 10 minuti, tempo in cui il lievito si attiva. Questo sarà il nostro lievitino.
3- Nel frattempo versate nel vaso dell’impastatore 150 gr di farina manitoba.
4- Unite alla farina nel vaso il lievitino e i 200 gr di yogurt, impastate per circa 5 minuti, versate in una ciotola coprite con della pellicola trasparente e lasciate lievitare per almeno un’ora a temperatura ambiente.
5- Mettete l’uvetta disidratata a mollo nella grappa o meglio ancora in un liquore fruttato. (io ho usato uno cherry)
6- Grattugiate la scorza di arance e limoni con attenzione a non prendere la parte bianca che altrimenti conferirebbe un sapore un po’ amarognolo.
7- Tagliate a cubetti la vostra frutta disidratata.
8- Se il vostro burro è già pronto montatelo a crema nella planetaria o con uno frusta elettrica con lo zucchero e la vaniglia.

  
9- A questo punto e trascorsa un’oretta dal primo impasto, riprendete la pasta, unitela al burro montato a crema con lo zucchero, alla scorza di arance e limoni, aggiungete il sale e la restante farina e azionate la planetaria per altri 10/15 affinché l’impasto si amalgami completamente e dia come risultato un composto liscio ed elastico.
   
10- Fate riposare l’impasto per un’altra mezzoretta sempre coperta da pellicola e un panno umido.
11- Riprendete l’impasto e dividetelo circa in 2.
12- Nel frattempo strizzate l’uva sultanina, unitela ai cubetti di frutta disidratata e infarinate leggermente, anche questi divideteli in 2 parti omogenee.

  
13- Stendetene una parte di pasta su una spianatoia con un po’ di farina allargando con le mani e cospargente metà della frutta, arrotolate così da formare un salsicciotto della lunghezza della colomba, inseritela nella teglia adatta, questa sarà il corpo della colomba.
  
Stessa operazione va fatta con l’altra metà di impasto, stendete, cospargete la frutta e arrotolate.
Questa volta tagliate in due e posizionate nel posto della ali.


14- Cospargete in maniera uniforme le mandorle sulla colomba facendo una leggera pressione.

La nostra colomba ora ha solo bisogno di riposare: mettetela in frigorifero coperta da pellicola trasparente e da un panno, il tutto per circa 12 ore.
Io questa operazione la faccio la sera per poter infornare la mattina.

Fuori dal frigorifero dovrebbe essere leggermente cresciuta, vedi foto che segue


15- Riprendete la vostra colomba e posizionatela già su una teglia.
16- Togliete la pellicola e fate in modo da coprirla con un panno umido, ma in modo da lasciare spazio per la crescita della colomba.
Potete inserirla in una teglia a cerniera o qualcosa che permetta di essere coperta la con lo spazio necessario per la crescita della colomba.
Cercate di tenerla in un luogo caldo senza colpi di aria, vicino ad una fonte di calore come un calorifero o davanti un forno caldo o vicino ai fornelli.
Questo per circa 4 ore, alla quarta la colomba dovrebbe dovrebbe essere almeno raddoppiata.
17- Accendete il forno a 170 gradi modalità statica.
18- Io a questo punto passo la colomba dentro il forno ancora tiepido per qualche minuto, in modo che l’aria della colomba si scaldi, oppure metto sotto la teglia una pentola con dell’acqua calda che irradi calore, il tutto sempre mantenendo la colomba coperta.
Lo scopo è quello di dare l’ultima spinta alla lievitazione, prima di portare in forno la colomba deve essere almeno raddoppiata rispetto il volume iniziale.
19- Tritate un pugno di mandorle, unite l’amido di mais e un cucchiaio di zucchero a velo.
Cospargete in maniera uniforme prima con i granelli di zucchero e solo dopo del composto mandorle/amido di mais/zucchero a velo. Cospargete la colomba quando ormai è pronta per il forno.

Importante mettere nel forno insieme alla colomba una ciotolina con dell’acqua, questo permetterà alla colomba di mantenere la sua umidità e di non seccare, IMPORTANTE.
20- Portate la colomba in forno e lasciatela cuocere per 40 minuti.
21- Spegnete il forno e lasciatela ancora 2/3 minuti con forno chiuso.

22- A questo punto il lavoro delicato di sfornarla, ancora da calda passarla con dei ferri per maglia o stuzzicadenti lunghi che riescano a passare da una parte all’altra.
Consiglio per questo di cuocerla in una teglia bassa, che puo’ essere anche solo la base di una tortiera a cerniera, con un foglio di silicone.
Questo permetterà di inserrire gli stuzzicadenti senza movimenti che possano far abbassare la colomba, e facilitare poi lo spostamento sotto sopra senza scottarsi con la teglia che a bordi alti ingombrerebbe i movimenti.
Io uso 4 stuzzicadenti da 20 cm cercando di passare per i lati piu’ corti e incrociandole (vedi foto)


Appoggiatela a testa in giu’ in modo che rimanga sollevata dal piano sotto, io come per la lievitazione, uso una teglia a cerniera di quelle regolabili ma potete usare una teglia o una pentola, anche una scatola, l’importante che gli stuzzicadenti poggino e la colomba rimanga sollevata.
Coprite con un panno e lasciate cosi fino a quando sarà completamente fredda.
Questa ultima operazione permette alla colomba di non scendere della sua lievitazione, quindi di mantenersi soffice e umida grazie al lento raffreddamento coperta.
 
  

Con queste dosi otterrete una colomba di circa 1200 gr, quindi acquistate la teglia grande da 1 kg.
Quando la colomba è completamente fredda giratela, a piacere cospargete di zucchero a velo e gustatevela ^_^

inviaci un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*